0 In Food & wine/ Storia e tradizione

Mini guida ai vini liguri e agli abbinamenti con i piatti della tradizione

I profumi e i sapori della Liguria tra terra e mare, nel bicchiere e nel piatto

I vitigni liguri

1535 ettari per un territorio montuoso al 65% tra fasce e muretti a secco: la viticoltura ligure non può che essere considerata eroica, un connubio tra coste e alture.

“Il Vermentino è il vitigno prediletto del Genovesato, e quello che gode la reputazione la più estesa fra le varietà che si coltivano da Ventimiglia a Sarzana” scriveva il Conte Gallesio nel 1817 nella Pomona Italiana.

Ancora oggi in Liguria, il vermentino è la varietà più coltivata e occupa il 45% dell’intera superficie coltivata e il 70% di quella dedicata ai vitigni a bacca bianca: mentre i terreni calcarei di Ponente gli donano mineralità, le argille del territorio di Levante lo rendono più morbido e avvolgente.

Tra gli altri vitigni a bacca bianca, il Pigato si riconosce per i suoi profumi di erbe aromatiche e macchia mediterranea, altre varietà meno conosciute e meno coltivate sono l’albarola, la bianchetta e il bosco.

Il Rossese è il protagonista dei vitigni a bacca nera, seguito da ciliegiolo, sangiovese e il dolcetto piemontese che in Liguria prende il nome di Ormeasco.

Denominazioni e zone vitivinicole

8 DOC, 8 zone vitivinicole per la Liguria: mentre la Riviera di Ponente si è sempre riconosciuta nel modello piemontese e per la vinificazione in purezza, la Riviera di Levante ha privilegiato l’uvaggio e l’impiego dei vitigni toscani.

Ma quali sono le denominazioni della Liguria?

  1. Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà DOC
  2. Colli di Luni DOC
  3. Colline di Levanto DOC
  4. Golfo del Tigullio-Portofino o Portofino DOC
  5. Pornassio o Ormeasco di Pornassio DOC
  6. Riviera Ligure di Ponente DOC
  7. Rossese di Dolceacqua o Dolceacqua DOC
  8. Val Polcèvera DOC

Gli abbinamenti cibo/vino, il territorio è servito

Erbe aromatiche, castagne, formaggi di pecora, olio d’oliva e pesce: gli ingredienti che contraddistinguono la cucina ligure raccontano di esigenze, necessità e tradizione.
Così come per la viticoltura, sono gli elementi vegetali e marini i protagonisti che si esaltano al palato, l’aromaticità, la sapidità e la mineralità – le caratteristiche principali dell’enogastronomia ligure.

Come scegliere il giusto abbinamento? Testati e provati per voi, questi sono i nostri suggerimenti:

  • Focaccia – Valpolcevera DOC Bianchetta genovese
  • Frittelle di baccalà – Portofino DOC Spumante Metodo Classico
  • Trofie al pesto – Riviera di Ponente Pigato DOC
  • Focaccia al formaggio di Recco – Golfo del Tigullio Bianchetta Genovese DOC
  • Farinata di ceci – Cinque Terre DOC
  • Torta pasqualina di bietole e prescinsêua – ValPolcevera DOC Coronata
  • Lattughe ripiene in brodo – Ormeasco Sciac-trà
  • Colli di Luni Vermentino – Cappon Magro
  • Ravioli al tocco – Rossese di Dolceacqua DOC
  • Coniglio alla ligure – Ormeasco di Pornassio
  • Anicini e pandolce – Cinque Terre Sciacchetrà DOC

Salute! Cheers!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply