0 In Arte e cultura/ Libri, musica e cinema

Premio Hans Christian Andersen, i segreti per scrivere una fiaba

scrivere una fiaba

Chi partecipa al Premio “Hans Christian Andersen” ha in tasca i segreti per scrivere una buona fiaba. Ma esiste una formula esatta per scrivere il racconto perfetto? È possibile catturare con l’inchiostro la magia di un racconto? E quale straordinario incantesimo possono sprigionare centinaia di storie raccolte tutte insieme? Dobbiamo andare a Sestri Levante per scoprirlo!

Il Premio Hans Christian Andersen

Dal 1967, la città dei due mari ospita il famoso concorso letterario dedicato alla narrativa per l’infanzia, che negli anni è diventato un punto di riferimento della letteratura per l’infanzia nazionale e internazionale.

Scrittori e scrittrici, ma anche illustratori e illustratrici, provenienti da tutto il mondo si sono cimentati nell’arte di scrivere una fiaba. Tra di loro anche molti nomi illustri: Alberto Moravia che si aggiudicò il premio nel 1976 con “Mustafà, la volpe del Sahara” e Italo Calvino che l’anno successivo vinse il premio con “I disegni arrabbiati”. Altri partecipanti illustri sono stati Francesco Guccini, Mario Soldati, Maria Luisa Spaziani e Sergio Zavoli.
Il Premio “Hans Christian Andersen” è però dedicato in primis agli autori emergenti e ai giovanissimi.
Sono sei le categorie a cui si può partecipare: piccini (dai 3 ai 5 anni, in gruppo), bambini (dai 6 ai 10 anni, individuale o in gruppo), ragazzi (dagli 11 ai 17 anni, individuale o in gruppo), adulti (dai 18 anni in su, solo individuale), scrittori professionisti (dai 18 anni in su, con almeno tre opere pubblicate non in self-publishing o con editori a pagamento, individuale) e illustratori (dai 16 anni in su, individuale o in gruppo).

È possibile sottoporre alla giuria opere in lingua italiana, inglese, francese, tedesca, spagnola, araba, cinese e russa.
Per partecipare è necessario seguire le istruzioni indicate sul bando di concorso, pubblicato ogni anno sul sito ufficiale del premio.
La premiazione avviene tradizionalmente a giugno, durante la giornata d’apertura dell’Andersen Festival.

L’Andersen Festival

Nato nel 1998 per celebrare il Premio “Hans Christian Andersen”, il festival è dedicato alla favola e al teatro non convenzionale.
Durante le giornate della rassegna la città di Sestri Levante si trasforma in un teatro a cielo aperto: gli artisti di strada si esibiscono nelle piazze e nei cortili, mentre in Baia del Silenzio viene installato un palcoscenico dedicato ai grandi ospiti e ai concerti.

Giovanni Allevi suona in Baia del Silenzio

Gli spettacoli proposti si rivolgono ad adulti e bambini e sono incetrati sul gioco, la sorpresa e l’esperiemento. Partecipare agli eventi dell’Andersen festival significa immergersi nei colori, nella musica e nella fantasia, proprio come muoversi dentro a una favola.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply